Pali CFA – FDP

Pali CFA – FDP 2018-06-04T09:25:14+00:00

Project Description

Pali CFA (Continuous Flight Auger)

Pali trivellati e gettati in opera con il metodo dell’elica continua con profondità fino a circa 20,0 mt

Un elica saldata su di un tubo cavo al cui interno passa il calcestruzzo nella fase di getto, è accoppiata ad un mast che assolvere a funzioni meccaniche e consente la traslazione verticale della testa, controllando così la verticalità del foro. La perforatrice provvede allo scavo, raggiunta la quota di progetto viene gettato il calcestruzzo. A getto ultimato viene posata l’armatura.

Pali FDP (Full Displacement Pile)

Il Full Displacement Pile (F.D.P.) o Palo a Spostamento Laterale è una tecnica di palificazione per consolidamento del terreno di fondazione alternativa ai classici pali trivellati o CFA.
Questa tecnologia permette il consolidamento del terreno immediatamente nell’area circostante lo scavo del palo spostando il terreno lateralmente.

  • In primo step l’ogiva affonda per meccanismo simultaneo di rotazione e spinta perforando il terreno, allo stesso tempo lo compatta e stabilizza con il la sua particolare conformazione dislocante;
  • in secondo step si estrae lentamente il tubo-forma ricompattando e ristabilizzando il terreno, il materiale scavato in questa fase è compresso lateralmente sulle pareti del foro;
  • successivamente si getta il calcestruzzo con una pompa convogliandolo nella cavità dell’asta di perforazione. Si prosegue infine, eventualmente se prevista, con la posa delle gabbie di armatura nel getto fresco appena fatto.

I vantaggi nell’utilizzo di questa tecnologia sono:

  • Produzione pari a zero del materiale di risulta a seguito dello scavo che viene costipato all’intorno del palo (quindi nessun onere di carico e trasporto di materiale a discarica, risultato rilevante soprattutto laddove si opera in aree contaminate);
  • niente vibrazioni e bassa rumorosità durante le manovre di palificazione;
  • notevole aumento di capacità portante (lo spostamento del suolo genera un maggiore addensamento dello stesso nell’intorno dello scavo) e di conseguenza un aumento dell’area di carico e dell’attrito laterale;
  • un notevole addensamento del suolo granulare e notevole consistenza di terreno coesivo ottenuti tramite la redistribuzione del suolo nell’intorno dello scavo;
  • riduzione di utilizzo di calcestruzzo rispetto ad altre tecniche che prevedono asportazione di terreno.

Tutte le funzioni sono controllate digitalmente:

  • Quota di scavo, verticalità asta epressioni di esercizio dei circuiti oleodinamici durante le manovre di infissione sono memorizzate in gabina al mezzo di sollevamento attraverso computer di bordo;
  • il sistema controlla anche il getto di cls monitorando pressione, quantità istantanea e progressiva, profondità di getto e livello saturazione del cls nel foro.

Possiamo aiutarti a realizzare il tuo progetto

Contattaci
error: Contenuti © Chimin